Category: Parchi e aree verdi

Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli

Il Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli si estende lungo la fascia costiera delle province di Pisa e Lucca in un’area anticamente lagunosa e paludosa.La zona è stata colmata nel tempo dai detriti portati dai fiumi Serchio e Arno e dal Mar Tirreno, ma il territorio è frutto anche dell’opera dell’uomo, che nei secoli ha regimentato i corsi d‘acqua e bonificato i terreni. I primi lavori di bonifica furono eseguiti dai Medici.La posizione geografica e le condizioni climatiche garantiscono una inusuale varietà di ambienti, con la presenza di una vasta area boschiva costiera, dominata dai boschi di pino (domestico e marittimo) e di caducifoglie, con vaste estensioni di dune e spiagge naturali (Tirrenia e Marina di Vecchiano) assieme a zone umide di importanza internazionale (Lago di Massaciuccoli e lame di San Rossore).

Read more

Tenuta di San Rossore

La Tenuta di San Rossore costituisce il cuore del Parco Regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli non solo per la sua posizione geografica, ma anche per la ricchezza degli habitat e per le particolarità paesaggistiche. Il suo  territorio inizia poco lontano dalla città di Pisa e si estende fino al mare.
Gli antichi edifici di Cascine Vecchie e della Sterpaia, cuore della Tenuta e punto di arrivo dei visitatori, sono completamenti ristrutturati e ospitano centri visite ben strutturati sia per visite giornaliere che per soggiorni e settimane verdi.

A fianco si trovano le imponenti scuderie di Casa Savoia che esistono fin dal 1854 e sono, con i loro cavalli, una delle grandi attrazioni della Tenuta. Dietro quest’area padronale con i suoi antichi edifici, i maneggi e grandissimi prati, si estende la riserva naturale più selvaggia, di 4800 ettari, compresa tra i fiumi Serchio e Arno, sintesi straordinaria di ambienti naturali mediterranei.

Read more

Le famose Balze

Le famose BalzeAccanto al paesaggio agricolo dei campi lavorati e ai caratteristici viali di cipressi la zona dell’Alta Val di Cecina è caratterizzata da manifestazioni erosive naturali (“calanchi” e “biancane”) favorite dai terreni argillosi che a ridosso di Volterra danno luogo alle famose “balze”.

In quest’area sono altresì presenti vaste zone boscose il cui complesso costituisce la Foresta di Berignone-Tatti e la Macchia di Monterufoli. Dei due sistemi forestali, situati nei pressi del fiume Cècina, il primo era un tempo famoso per la caccia al cinghiale e per la produzione di legname e il secondo per le cave di pietra e i giacimenti di minerali. I Centri di Educazione Ambientale di Volterra, Monterufoli e Riparbella (quest’ultimo adatto ai bambini), gestiti dalla Comunità Montana della Val di Cecina, offrono visite guidate, laboratori didattici e percorsi naturalistici e storico-archeologici.

Oasi WWF di Santa Luce

Da Pisa, percorrendo la SS 206 in direzione sud, ci addentriamo nella zona delle Colline Pisane, caratterizzata dai dolci rilievi collinari tipici del paesaggio toscano. L’Oasi WWF di Santa Luce si estende su una superficie di circa 105 ettari circondata da boschi e macchia mediterranea; il lago omonimo rappresenta un’interessante zona umida, punto di sosta di molti uccelli acquatici, ideale per il bird watching. L’oasi, situata ad appena dieci minuti d’auto dalla costa, offre un laboratorio didattico-ambientale ed escursioni guidate anche per scuole e gruppi.

Riserva Naturale di Montefalcone

Spostandosi verso Castelfranco di Sotto troviamo la Riserva Naturale di Montefalcone, di recentemente costituzione, con area attrezzata per percorsi didattico-naturalistici e visite guidate nei boschi delle Cerbaie. Le visite sono possibili previa autorizzazione del Corpo Forestale.

Monte Castellare

Spostandosi a nord verso il Monte Pisano, che separa Pisa da Lucca, incontriamo due aree protette di indubbio interesse dal lato sia storico che naturalistico.

Read more